web design e contenuti a cura di Vittorio Salvatorelli

 
 

Home Page

 

Attualità

  News
 

Basket maschile

  Serie B
  Serie C
  Serie C silver
  Serie D regionale
  Promozione
 

Basket femminile

  Serie B nazionale
  Serie B regionale
  Serie C
  Promozione
 

Basket giovanile

  Giovanili
 

Varie

  Amarcord
  Cerca nel sito
  Links
  Basket in carrozzina
 

Eventi

  Capracotta 2003
  Campitello 2004
  Monteroduni 2005
  Larino Aquilotti 2006
  Olimpia Basket Camp
 

Collabora

basketmol@iol.it

 













 

Il sito ha lo scopo di diffondere e promuovere il basket del Molise, dalle sue massime espressioni fino ai campionati giovanili. Compatibilmente col tempo a disposizione, cercherò di aggiornarlo costantemente, con le ultime notizie e, per quanto possibile, con i tabellini di tutte le partite dei campionati a cui partecipano squadre molisane.

Il sito è inoltre realizzato per puro spirito di divulgazione, non ha alcuno scopo di lucro e non ha al suo interno banner pubblicitari. Io e i miei collaboratori siamo semplici appassionati e non riceviamo alcun compenso dalla pubblicazione in queste pagine dei commenti sulle partite né da Aruba, né dalla Federazione Italiana Pallacanestro, né da alcuna società cestistica. Di ogni commento che non sia frutto della visione diretta della partita da parte mia o dei miei collaboratori è citata la fonte alla fine dello stesso. I commenti non firmati sono da intendersi come scritti da me.

 

Per una corretta visualizzazione utilizzare Microsoft Internet Explorer 4.0 o superiore e una risoluzione video di 1024x768 o superiore con 16 milioni di colori

 

VISUALIZZA PARTITA

 

 

FIAT MOLINARO CAMPOBASSO - FORTITUDO TERAMO 82-79   (14-17, 35-36, 56-57)

Filipponio4Di Cristofaro19Perez23De Luca4
Pennacchio5BriganteneYasakov7Schiavoni18
Antonelli21Fiorilli4Gaeta0Tacchetti0
ZolloneMansilla23Cimini5Di Sabatino0
M. Cefaratti0TondineBartolini16Martelli2
De VincenzoneRomito6Pedalino 4--
All. SabatelliAll. Gramenzi

 Arbitri: Castellan (Chieti) e Venuti (L'Aquila)

 Note: Spettatori 200 circa. Tiri da due: Molinaro 19/39 (49%), Teramo 14/30 (47%). Tiri da tre: Molinaro 8/23 (35%), Teramo 12/38 (32%). Tiri liberi: Molinaro 20/26 (77%), Teramo 15/20 (75%). Rimbalzi: Molinaro 34 (30+4, Mansilla 11, Pennacchio 8), Teramo 33 (26+7, Bartolini 11).

Soffrendo, venendo fuori dalle difficoltà oggettive di una gara che alla vigilia si presentava difficile e che sul campo si conferma tale, la Fiat Molinaro Campobasso supera in volata il Teramo e porta a casa due punti fondamentali, che le consegnano matematicamente almeno la terza posizione in regular season. Un match in cui coach Sabatelli, come ormai da un po' di tempo a questa parte, deve fare a meno di Vera e che nel suo svolgimento vede per lungo tempo Antonelli sedere in panca perché limitato dai falli. Ma è proprio la guardia ex Olimpia che, rientrato in campo nel quarto periodo, guida la sua squadra alla vittoria non solo con i 12 punti (compresi i liberi decisivi) nella frazione conclusiva ma anche tenendo botta molto bene in difesa contro Perez (solo 5 punti nel quarto periodo) e causandone, con un suo intervento su una rimessa a pochi secondi dal termine, la palla persa che sposta l'equilibrio dalla parte dei campobassani. Pur tenendo debitamente conto delle belle prestazioni di un dominante Mansilla (ormai consueto il suo 20+10) e di un concreto Di Cristofaro (ventello sfiorato con 5/7 da due e 3/6 da tre), il numero nove della Molinaro merita indubbiamente l'ideale riconoscimento di mvp della partita.

Il match parte di gran carriera, le due squadre giocano in velocità concludendo ben prima dello scadere dei 24", con la differenza che i molisani cercano molto di più l'avvicinamento a canestro rispetto ad una formazione abruzzese che al termine del primo quarto vede la casella dei tentativi da tre punti riempirsi già con una doppia cifra. La Molinaro mostra un ottimo gioco di squadra, con la palla che circola piuttosto bene e Mansilla che trova spesso e volentieri i tagli dei compagni per due punti facili, pur se altrettanto spesso i campobassani sbagliano tiri anche da molto vicino; dall'altra parte solo tre dei dieci tentativi dall'arco vanno a buon fine e nel complesso le percentuali non sono per niente buone (solo 5/21 dal campo per gli ospiti). Ecco spiegati in sintesi i motivi dei soli 31 punti totali messi dentro dalla due squadre nella prima frazione di gioco. Il secondo periodo si apre conun 7-1 a favore degli ospiti che porta Teramo a +9 (15-24), margine replicato poco dopo da una tripla di Schiavoni che fa 18-27. Con Luca Antonelli già in panchina con tre falli a carico, ci pensano Mansilla e Di Cristofaro a guidare la risalita della formazione di casa: il pivot argentino si erge a protagonista sotto i tabelloni, segnandone 9 nella frazione e recuperando rimbalzi uno dopo l'altro, la guardia campobassana "apre la scatola" da fuori con due canestri e una tripla. La box and one con il bravo Romito a francobollare Perez fa il resto e così ben presto i molisani passano a condurre anche di 6 lunghezze (35-29). Cinque punti di Perez e due di Yasakov permettono al Teramo di piazzare un altro minibreak e di conseguenza arrivare all'intervallo lungo con un punto in più rispetto all'avversaria.

Al rientro dagli spogliatoi la gara si trasforma, almeno nella parte iniziale del terzo quarto, in un duello a suon di punti fra Di Cristofaro e Bartolini: il campobassano nel mette 9 nella frazione, il teramano risponde con 11. I molisani sono di nuovo a +6 sul 45-39, ma il numero 6 ospite in questa fase del match non è marcabile e in pochi minuti ripristina l'estremo equilibrio che da qui in poi caratterizzerà la partita. Teramo è ancora a +1 al termine del terzo periodo, prende qualche altro punto di margine nella prima metà del quarto ma a 5' dalla sirena il tabellone elettronico dice 64-64. Si infortuna il play ospite De Luca, Teramo conquista di nuovo un piccolo margine, i canestri da tre di Di Cristofaro ed Antonelli riportano sotto i campobassani, Schiavoni sbaglia due liberi, Filipponio sorpassa (74-73) a 1'19" dalla fine. Lo stesso Schiavoni si fa perdonare infilando una tripla, ma ancora Filipponio mette dentro i liberi della parità a 76. Mancano 20" quando Mansilla dalla lunetta dà il +2 alla sua squadra, dall'altra parte Perez va dentro subendo fallo e vedendosi convalidato il canestro da un arbitro che giudica la continuità dell'azione "in stile NBA" dimenticandosi che il Palavazzieri non è certo lo Staples Center. Il libero aggiuntivo dell'argentino fa +1 per Teramo a -12", il coach ospite sceglie di fare fallo immediato per poi avere la palla della vittoria, ma sulla rimessa successiva al 2/2 di Antonelli che aveva riportato la Molinaro a +1 (80-79), lo stesso Antonelli si intromette facendo perdere a Perez un pallone "sanguinoso". Questa volta il fallo immediato è la scelta obbligata per gli abruzzesi, Antonelli li segna di nuovo entrambi a -8", Perez corre dall'altra parte ma la sua tripla arriva a malapena al ferro, la sirena suona e la Molinaro festeggia due punti sudati ma meritati.

Vittorio Salvatorelli