web design e contenuti a cura di Vittorio Salvatorelli

 
 

Home Page

 

Attualità

  News
 

Basket maschile

  Serie B
  Serie C
  Serie C silver
  Serie D regionale
  Promozione
 

Basket femminile

  Serie B nazionale
  Serie B regionale
  Serie C
  Promozione
 

Basket giovanile

  Giovanili
 

Varie

  Amarcord
  Cerca nel sito
  Links
  Basket in carrozzina
 

Eventi

  Capracotta 2003
  Campitello 2004
  Monteroduni 2005
  Larino Aquilotti 2006
  Olimpia Basket Camp
 

Collabora

basketmol@iol.it

 













 

Il sito ha lo scopo di diffondere e promuovere il basket del Molise, dalle sue massime espressioni fino ai campionati giovanili. Compatibilmente col tempo a disposizione, cercherò di aggiornarlo costantemente, con le ultime notizie e, per quanto possibile, con i tabellini di tutte le partite dei campionati a cui partecipano squadre molisane.

Il sito è inoltre realizzato per puro spirito di divulgazione, non ha alcuno scopo di lucro e non ha al suo interno banner pubblicitari. Io e i miei collaboratori siamo semplici appassionati e non riceviamo alcun compenso dalla pubblicazione in queste pagine dei commenti sulle partite né da Aruba, né dalla Federazione Italiana Pallacanestro, né da alcuna società cestistica. Di ogni commento che non sia frutto della visione diretta della partita da parte mia o dei miei collaboratori è citata la fonte alla fine dello stesso. I commenti non firmati sono da intendersi come scritti da me.

 

Per una corretta visualizzazione utilizzare Microsoft Internet Explorer 4.0 o superiore e una risoluzione video di 1024x768 o superiore con 16 milioni di colori

 

VISUALIZZA PARTITA

 

 

FIAT MOLINARO CAMPOBASSO - FASOLI & MASSA SULMONA 80-59   (22-22, 37-36, 60-53)

Filipponio0Di Cristofaro16Palermi0Di Mascio0
Pennacchio10Lagonigro0Gia. Giammarco8F. De Grandis19
Brigante0Antonelli27Ferri5Colaprete0
Valerio0Condello0Palombizio6Maidana11
Fiorilli8Zollo0Bartolucci10Mancinelli0
Mansilla17Santone2----
All. SabatelliAll. N. De Grandis

 Arbitri: Castellan (Chieti) e Cascioli (Pescara)

 Note: Spettatori 150 circa. Tiri da due: Molinaro 23/36 (64%), Sulmona 15/50 (30%). Tiri da tre: Molinaro 7/25 (28%), Sulmona 5/22 (23%). Tiri liberi: Molinaro 13/24 (54%), Sulmona 14/26 (54%). Rimbalzi: Molinaro 38 (Mansilla 17, Pennacchio 12), Sulmona 41 (Maidana 14, Bartolucci 9). Cinque falli: Giammarco.

Fresca di nuovo sponsor, con la ditta Molinaro che dopo qualche anno torna ad abbinarsi con una società di basket, la Nuova Cestistica Campobasso, priva di Cefaratti, vince e convince all'esordio casalingo contro un Sulmona che schiera regolarmente nel roster i suoi argentini Maidana e Bartolucci ma manca di Ciccarelli. Ne viene fuori un match combattuto per tre quarti e indubbiamente segnato dalla prestazione dell'altro argentino in campo. Dario Abel Mansilla, al riparo da problemi di falli, sta sul parquet per quaranta minuti filati non segnando tantissimi punti ma prendendo una valanga di rimbalzi, dando stoppate ed essendo la causa principale dei soli sei punti messi dentro dagli ospiti in un quarto periodo in cui la sola presenza del pivot in mezzo all'area dei tre secondi provoca la grande quantità di errori al tiro che condanna il Sulmona alla sconfitta. A nulla valgono i raddoppi (a volte su di lui vanno anche in tre) ordinati da coach De Grandis, perché Antonelli e Pennacchio puniscono con regolarità dalla distanza e da sotto sugli scarichi che arrivano sempre precisi e puntuali. Una vittoria, insomma, limpida e che non lascia spazio nemmeno a considerazioni statistiche, che risulterebbero inutili.

Il primo periodo è equilibrato, con la Molinaro che parte piano ma risponde al -7 del quinto minuto di gioco (8-15) con un parziale di 8-0 che porta i campobassani al sorpasso. De Grandis completa un gioco da tre punti, Santone pareggia, Mansilla e Maidana fammo 0/2 dalla lunetta, Antonelli fa 4-0 ma Ferri e lo stesso Maidana permettono al Sulmona di arrivare al decimo minuto in parità per poi aprire la seconda frazione con una tripla di Ferri e un canestro di Bartolucci. Mimmo Sabatelli ordina la zona, ma in questo tratto della partita è in attacco che la Cestistica non gira, perdendo palloni e mandando tiri sul ferro. Gli abruzzesi potrebbero approfittarne ma il cambio di difesa si rivela provvidenziale per i campobassani, che mettono in difficoltà l'attacco ospite e restano aggrappati al -5 fino ai primi punti del secondo quarto, che arrivano soltanto dopo 4' di frazione grazie a Di Cristofaro. Quando poi la zona scricchiola un po' arriva anche il 7-2 del Sulmona (Giammarco 6 in questo frangente) che porta gli abruzzesi al +8, massimo vantaggio della loro gara (26-34). E' Luca Antonelli a suonare la carica per i suoi, segnando tre volte da tre e marchiando a fuoco il controbreak di 11-2 che permette ai molisani di andare all'intervallo lungo con un punto in più dell'avversaria.

Si torna in campo, De Grandis sorpassa, ma Mansilla comincia a dominare sul serio, ricevendo palla in post basso e mandando più di una volta Pennacchio ad appoggiare con tranquillità i suoi scarichi (il numero 6 della Cestistica segna 8 punti nella terza frazione). Sulmona risponde bene soprattutto con De Grandis, che tiene i suoi a contatto e, anzi, sorpassa sul 51-52. Questo, tuttavia, sarà l'ultimo vantaggio esterno del match: Pennacchio segna un libero, Antonelli la mette in contropiede, Mansilla fa +4, lo stesso Antonelli fa un altro 1/2 dalla lunetta e ancora Mansilla completa un gioco da tre punti per il 9-0 che apre in due una partita che scappa dalle mani del Sulmona quando Bartolucci non approfitta di un fallo subito mentre tira dall'arco sulla sirena del trentesimo, centrando un solo libero sui tre a disposizione. Il quarto periodo è un monologo dei campobassani, con il Sulmona che cozza continuamente contro il muro Mansilla: l'argentino chiude tutti gli spazi sotto canestro, deviando tiri e costringendo tutti i giocatori ospiti a modificare la propria parabola di tiro per evitare ulteriori stoppate. Risultato: +21 per la Molinaro, prima vittoria centrata con pieno merito e palma dell'mvp da dividere equamente fra Antonelli e Mansilla, con nota di merito per il grande lavoro sotto i tabelloni di Biagio Pennacchiio.

Vittorio Salvatorelli